6 Motivi per mangiare o integrare con Tumeric

Questa erba gialla senape contiene composti bioattivi che hanno potenti proprietà medicinali utilizzate per migliaia di anni in India. La ricerca che troverai curcuma si concentra principalmente sulle sue proprietà antiossidanti o antinfiammatorie a causa dell’ingrediente principale, la curcumina, ma c’è molto di più in questo membro della famiglia dello zenzero.

Evitare raffreddori e influenza e rimanere in buona salute Probabilmente l’uso più popolare di curcuma è per proteggere la vostra immunità, e gli studi dimostrano che la curcuma stimola il sistema immunitario a combattere ceppi resistenti ai farmaci di influenza. Faccio regolarmente alla mia famiglia una tazza di tè alla curcuma. durante la stagione fredda e influenzale.

Sentire meno dolore da artrite Un recente studio condotto da ricercatori in Cina, ha scoperto che gli estratti di curcuma possono essere raccomandati per alleviare i sintomi di artrite, in particolare il dolore da osteoartrite. Rispetto ai problemi gastrointestinali che possono essere causati da più comunemente raggiunti per antidolorifici come l’iprofene, la curcuma offre una soluzione che non è solo facile per la digestione, è buona per questo.1

Mantieni la memoria e concentrati Studi nitidi nei topi mostrano che la curcumina, l’ingrediente principale della curcuma, blocca la progressione della malattia di Alzheimer e la ricerca delle popolazioni indiane (mangiano molta curcuma) mostra tassi più bassi di Alzheimer rispetto a quelli che non ottengono l’erba.2

Rimanere senza cancro Pur non essendo un vaccino contro tutti i tumori, la curcuma-nota anche come zafferano indiano—sembra avere effetti inibitori sulle cellule tumorali, secondo la ricerca 2017 dei collaboratori della Huazhong University of Science and Technology in Cina, dell’Università di Harvard e dell’Università di Toronto.3 Altre ricerche hanno anche dimostrato che ci sono tassi più bassi di alcuni tipi di cancro nei paesi in cui le persone mangiano livelli più elevati di curcuma.4

Aumenta il tuo umore Prove recenti mostrano risultati promettenti per l’utilizzo di integratori di curcumina per il trattamento del blues. Uno studio pubblicato sul Journal of Affective Disorders ha rilevato che i pazienti affetti da depressione che hanno ricevuto curcumina sono migliorati meglio di quelli che hanno ricevuto un placebo.5 In un altro studio, i ricercatori provenienti dalla Cina, avevano pazienti con depressione prendere un antidepressivo, e sia prendere un placebo o curcumina con il farmaco per sei settimane, e ha scoperto che quelli che assumono l’erba con gli antidepressivi migliorato in modo significativo su una scala di valutazione della depressione, rispetto a quelli che assumono il placebo.6

Ridurre l’indigestione La curcuma riduce il gonfiore e il gas nelle persone che soffrono di indigestione e la Commissione tedesca E, che regola le erbe sicure in Germania, ha approvato la curcuma per problemi digestivi.7
Raccomandazione: gli adulti possono assumere da 400 a 600 mg di curcuma tre volte al giorno. La curcuma ha proprietà antinfiammatorie, antibatteriche e antivirali, utilizzate nella medicina ayurvedica. Una grande bevanda riscaldante da avere di notte, puoi mescolare la curcuma con altri ingredienti per
_________________________________________________
1curcumina, infiammazione e malattie croniche: come sono collegati?
Ha Y, Yue Y, Zheng X, Zhang K, Chen S, Du Z
Molecole. Il 2015 Potrebbe 20; 20(5):9183-213.
2https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2781139/
3https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29088758
4https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4603973/
5Lopresti AL, Maes M, Creatore GL, et al. Curcumina per il trattamento della depressione maggiore: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. J Influenza Dis. 2014; 167:368-375.
6Yu JJ, Pei LB, Zhang Y, et al. La supplementazione cronica di curcumina aumenta l’efficacia degli antidepressivi nel disturbo depressivo maggiore: uno studio pilota randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. J Clin Psicofarmacolo. 2015;35(4):406-410.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *