Che cosa è terapia della luce infrarossa & ha benefici?

La luce infrarossa è una gamma di radiazioni elettromagnetiche create da alcuni dispositivi disponibili in commercio. Produttori e fautori appuntato un sacco di affermazioni di questi dispositivi – da dire luce infrarossa riduce l’infiammazione e il dolore a rivendicare migliora l’umore. Qualcuno di questi presunti benefici regge alla scienza? Continuate a leggere per scoprire.

Che cosa è la luce infrarossa?

Quanto sappiamo?

La radiazione infrarossa (IR), o luce infrarossa, è una forma di radiazione elettromagnetica che è diventata popolare con i dispositivi a luce infrarossa ampiamente disponibili. Questi dispositivi possono essere laser, lampade o macchine abbronzanti. Tuttavia, questa tecnica è ancora controversa come approccio terapeutico.

Alcuni produttori sostengono che questi dispositivi aiuteranno le persone a perdere peso, ridurre l’infiammazione, alleviare il dolore e persino migliorare l’umore. C’è qualche sostanza per l’hype? Molto poco e non abbastanza per trarre conclusioni relative alla salute.

Stato FDA & Ricerca sulla sicurezza

La terapia della luce infrarossa o la terapia della luce rossa non sono state approvate dalla FDA per scopi medici o indicazioni sulla salute. Si rivolga al medico prima di utilizzare una sauna a infrarossi o un dispositivo.

La ricerca a infrarossi negli Stati Uniti è iniziata alla fine degli anni ‘ 70. A metà degli anni ‘80, la FDA ha esaminato gli effetti di un laser a infrarossi sull’artrite reumatoide e ha concluso che non vi sono dati di sicurezza sufficienti per approvare il dispositivo .

In particolare, il laser non ha superato la cosiddetta premarket approval (PMA), che è il processo di revisione scientifica e normativa della FDA che valuta la sicurezza e l’efficacia dei dispositivi .

Sebbene circa 22 dispositivi abbiano attualmente l’approvazione della FDA, gli esperti sottolineano che ciò è dovuto a normative più lente dal 2001. Secondo il nuovo processo 510K, i dispositivi possono essere approvati come “coadiuvanti nel trattamento del dolore” purché siano abbastanza simili – cioè finalmente sicuri ed efficaci – ai dispositivi IR già eliminati sul mercato .

Gli scienziati e gli organismi di regolamentazione concordano sul fatto che i benefici clinici della IR devono ancora essere stabiliti .

Alcuni dispositivi a luce infrarossa sono approvati dalla FDA, ma la terapia a infrarossi stessa non ha l’approvazione della FDA per qualsiasi indicazione sulla salute.

Gamma di lunghezze d’onda

La luce infrarossa è al di fuori dello spettro visivo. Prende il nome dal fatto che si trova appena oltre la lunghezza d’onda della luce rossa. È spesso classificato come radiazione del vicino infrarosso (NIR), infrarosso (IR) e lontano infrarosso (FIR).

La lunghezza d’onda NIR varia da 700 a 810 nanometri (nm), la lunghezza d’onda IR varia da 810 a 3000 nm e l’ABETE varia da 3000 a 100.000 nm .

I fautori di saune a infrarossi e altri metodi di consegna IR dicono che queste differenze nella lunghezza d’onda causano la radiazione infrarossa per avere una gamma di effetti. Tuttavia, le loro affermazioni rimangono non provate.

Secondo una ricerca limitata, l’IR ha la capacità di penetrare nel tessuto umano. La lunghezza d’onda con la maggiore capacità di penetrare nel tessuto probabilmente si trova tra 690 e 900 nanometri .

Tipi di dispositivi

Le lampade disponibili in commercio sono progettate per emettere radiazioni superiori a 700 nm. Alcune lampade possono anche emettere intervalli specifici all’interno dello spettro IR, anche se questi sono meno comuni a causa del loro costo elevato .

Le saune a infrarossi e i dispositivi a infrarossi più piccoli utilizzano queste lampade e laser a infrarossi per fornire luce infrarossa all’intera superficie del corpo o ad aree specifiche.

Le saune a infrarossi lontani (FIRSs) sono approvate dalla FDA e dalla Canadian Standards Association e sono vendute al pubblico come saune ricreative.

Le sostanze che emettono radiazioni infrarosse possono essere incorporate in tessuti o dispositivi per la fornitura continua .

Ad esempio, alcune aziende commercializzano impacchi a infrarossi, che sono fatti di grandi bende di silicone o pastiglie che emettono luce infrarossa intorno alle gambe, allo stomaco e alle braccia. Gli involucri a infrarossi sono promossi per “ridurre la cellulite” e “la perdita di grasso”, anche se nessuno di questi effetti è stato dimostrato.

La terapia a infrarossi può essere erogata attraverso dispositivi come lampade, saune e impacchi.

Meccanismi di azione

Al contrario delle radiazioni ionizzanti come le radiazioni ultraviolette e i raggi X, la luce infrarossa è una forma di radiazione non ionizzante. Secondo una ricerca limitata, non ci sono prove che la radiazione infrarossa danneggi il DNA, sebbene non siano disponibili studi di sicurezza a lungo termine .

Alcuni scienziati stanno studiando se la luce infrarossa può ridurre il danno cellulare associato alle radiazioni ionizzanti .

Altri ricercatori ipotizzano che la radiazione infrarossa abbia meccanismi unici nell’interazione con il tessuto biologico. Il primo effetto importante è l’aumento della temperatura del tessuto bersaglio. La maggior parte delle sorgenti di radiazione infrarossa irradia anche una grande quantità di calore, che può influenzare una regione specifica. Questo ha un effetto simile all’utilizzo di un semplice impacco caldo .

La seconda categoria principale di interazione che la radiazione infrarossa può avere è il non riscaldamento, che generalmente coinvolge la radiazione infrarossa assorbita dai legami di molecole o strutture specifiche all’interno del corpo. La struttura viene quindi eccitata, attivata o cambia forma come risultato diretto .

Infine, la luce infrarossa viene studiata per attivare dispositivi biomedici (come i biopolimeri) per rilasciare un farmaco o una sostanza in un’area mirata o interagire con il tessuto .

La terapia a infrarossi ha lo scopo di fornire una radiazione non ionizzante nei tessuti infiammati. Alcuni ricercatori postulano che l’aumento della temperatura è responsabile dei benefici osservati.

Potenziali benefici per la salute

I seguenti presunti benefici sono supportati solo da studi clinici limitati con campioni di piccole dimensioni, rischio da moderato a elevato di bias, bassa qualità e breve durata. Il consenso generale è che sono necessari studi meglio progettati, controllati e alimentati.

Pertanto, non vi sono prove sufficienti per supportare l’uso della luce infrarossa per la maggior parte degli usi elencati di seguito.

Inoltre, ricorda che le saune e i dispositivi a infrarossi non sono stati approvati dalla FDA per scopi medici.

Parlate con il vostro medico prima di utilizzare la luce infrarossa come parte di una strategia complementare di gestione della salute. La luce infrarossa non dovrebbe mai essere usata come sostituzione per le terapie mediche approvate.

Possibilmente efficace per:

1) Psoriasi

Alcune prove cliniche sostengono l’uso della terapia della luce infrarossa per i cambiamenti psoriasici della pelle.

Anche se gli studi clinici di basso livello di luce / terapia laser (LLLT) sono ancora piccoli, vicino infrarosso (NIR) e la luce rossa visibile con bassa energia spettacolo promessa per la psoriasi a causa della loro forte penetrazione della pelle .

La terapia fotodinamica con luce pulsata intensa è diversa dalla luce infrarossa. È usato per la psoriasi delle unghie.

Nel complesso, diverse fototerapie sono state utilizzate per ridurre i cambiamenti della pelle psoriasica, sia come componenti aggiuntivi che in monoterapia. Alcuni sono diventati un pilastro nel trattamento della psoriasi da lieve a moderata. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi clinici per confermare l’efficacia della terapia IR.

Prove insufficienti per:

I seguenti presunti benefici sono supportati solo da studi clinici limitati e di bassa qualità. Non ci sono prove sufficienti per sostenere l’uso della terapia della luce rossa per uno qualsiasi degli usi elencati di seguito. Non usare mai la terapia della luce rossa al posto di qualcosa che il medico raccomanda o prescrive.

2) Complicanze diabetiche

Alcune prove cliniche supportano l’uso della luce infrarossa per complicazioni diabetiche come le ulcere del piede diabetico.

In uno studio su 50 pazienti diabetici, una settimana di terapia a infrarossi ha guarito le ulcere del piede diabetico. Dopo un mese, le ulcere dei pazienti si ridussero di dimensioni e avevano meno secrezioni. La lampada a infrarossi ha aiutato a prevenire l’infezione .

Tuttavia, prove insufficienti supportano l’uso della luce infrarossa per controllare i livelli di zucchero e altri sintomi nelle persone con diabete di tipo 2.

In uno studio su 10 pazienti diabetici di tipo II, la terapia con luce infrarossa ha aiutato a ridurre i livelli di glucosio nel sangue. Gli autori hanno ipotizzato che la radiazione infrarossa potrebbe ridurre la resistenza all’insulina e abbassare i livelli di cortisolo (ormone dello stress). Questo deve ancora essere determinato .

In un altro studio su 15 pazienti con diabete di tipo II di mezza età, tre mesi di terapia con sauna a infrarossi lontani hanno migliorato la qualità della vita dei pazienti. I pazienti hanno anche riportato un miglioramento della fatica, dello stress e della salute fisica ed emotiva. Questo studio era piccolo e aveva altre limitazioni legate al design. Sono necessarie ulteriori ricerche .

La terapia a infrarossi potrebbe potenzialmente aiutare a guarire le ulcere diabetiche e migliorare la qualità della vita, ma non ci sono prove che suggeriscano che la luce infrarossa possa aiutare con lo zucchero nel sangue.

3) Salute del cuore

Ci sono alcune prove che supportano l’efficacia della sauna a infrarossi lontani per l’ipertensione e l’insufficienza cardiaca congestizia. D’altra parte, ci sono prove solide per confutare le affermazioni sulla capacità delle saune a infrarossi lontani di ridurre il colesterolo .

In uno studio clinico, la terapia giornaliera con sauna a infrarossi ha abbassato la pressione sanguigna nei pazienti con aumentato rischio di malattie cardiache .

La sauna a infrarossi ripetuta ha contribuito a migliorare la funzione cardiaca nei pazienti con aumentato rischio di malattie cardiache. Dopo due settimane di terapia giornaliera della sauna, i pazienti hanno anche migliorato il flusso sanguigno .

I ricercatori stanno studiando se la radiazione infrarossa lontana aumenta miRNA-31 e miRNA-720, un meccanismo che può migliorare la funzione delle cellule cardiache nei pazienti con malattie cardiache .

La terapia a infrarossi ha prodotto alcuni risultati promettenti per la pressione sanguigna e l’insufficienza cardiaca congestizia, ma le prove cliniche sono limitate.

4) Infiammazione

Alcune prove di bassa qualità supportano l’uso della luce infrarossa per ridurre l’infiammazione e il dolore da artrite reumatoide.

In un piccolo studio (DB-RCT) di 37 pazienti affetti da artrite, i dispositivi laser pulsati a infrarossi (terapia laser a basso livello a 810 nm) hanno ridotto le citochine infiammatorie (TNF, IL-1 e IL-2). I pazienti hanno avuto un miglioramento della funzione e del dolore dopo alcuni mesi .

La ricerca limitata suggerisce che la radioterapia infrarossa può ridurre l’infiammazione articolare artritica a breve termine una volta usata come aggiunta al trattamento clinico .

La luce infrarossa ha ridotto significativamente l’immobilità nei ratti con artrite indotta artificialmente abbassando le citochine infiammatorie e diminuendo la permeabilità dei vasi .

La luce infrarossa ha ridotto l’infiammazione nelle persone con artrite, ma saranno necessari studi clinici più grandi e più robusti.

5) Esercizio Recupero

Alcuni ricercatori ritengono che la radiazione infrarossa può contribuire a ridurre l’infiammazione e il dolore associati con il recupero post-esercizio e abbreviare i periodi di recupero. In teoria, ciò consentirebbe un allenamento più intenso e frequente e risultati migliori. Tuttavia, mancano dati clinici adeguati .

In un piccolo studio umano, i tessuti che emettono infrarossi hanno migliorato le prestazioni dei giocatori di calcio durante il normale allenamento. I giocatori hanno indossato i tessuti per dieci ore di notte e hanno visto una moderata diminuzione del dolore muscolare 24 e 72 ore dopo l’esercizio .

In uno studio su animali, l’irradiazione laser a 904 nm ha stimolato il tessuto muscolare del ratto. Ha ridotto la produzione di due enzimi infiammatori, COX-1 e COX-2, che hanno permesso al tessuto muscolare di eseguire un lavoro totale nei test successivi .

Saranno necessari ulteriori studi sull’uomo per ripetere questi risultati e determinare il ruolo della luce infrarossa nel migliorare le prestazioni fisiche e il recupero dall’esercizio.

In alcuni studi clinici, la terapia a infrarossi ha migliorato il recupero dell’esercizio, ma l’evidenza è considerata insufficiente.

6) Circolazione

I ricercatori stanno studiando se lunghi periodi di radiazione infrarossa possono aumentare la circolazione e migliorare la funzione dei vasi sanguigni. I risultati esistenti sono inconcludenti .

In uno studio (RCT) su 61 pazienti in dialisi renale, la radiazione infrarossa lontana ha aumentato il flusso sanguigno e i livelli di ossigeno nel corpo. Ciò ha contribuito a ridurre l’affaticamento .

Attraverso meccanismi sia termici che non termici, la radiazione infrarossa ha migliorato la circolazione nei ratti. La terapia a infrarossi lontani ha aumentato il flusso sanguigno fino a 60 minuti, mentre la temperatura della pelle è stata mantenuta costante .

Gli scienziati sospettano che i risultati non siano semplicemente dovuti ad un aumento della temperatura, ma piuttosto all’interazione della luce infrarossa con la via L-arginina / ossido nitrico .

Altri ricercatori stanno esplorando gli effetti della luce infrarossa sulle cellule. L’IR sembra aumentare la produzione del gene HO-1 aumentando la temperatura, il che ridurrebbe teoricamente il flusso sanguigno anormale .

HO-1 può prevenire l’ispessimento dei vasi sanguigni, l’aggregazione piastrinica e i vasospasmi, che possono contribuire all’ostruzione del flusso sanguigno. Inoltre, stimola la ricrescita delle cellule endoteliali nei siti di lesioni, aiutando ulteriormente la salute dei vasi e contribuendo alla circolazione sana .

Alcune persone credono che la terapia a infrarossi possa migliorare la circolazione aumentando la temperatura dei tessuti. Mentre alcuni primi risultati sono promettenti, sono necessarie prove umane più grandi e più robuste.

7) Mood

Non ci sono prove sufficienti per sostenere l’uso della luce infrarossa per i disturbi dell’umore.

In uno studio su 70 partecipanti, il trattamento con luce infrarossa lontana nei punti di agopuntura ha aumentato i loro livelli di serotonina. Aumentare i livelli di serotonina può aiutare ad aumentare l’umore .

Nei ratti, il trattamento a luce infrarossa a lungo termine ha ridotto i comportamenti ansiosi e depressivi. Tuttavia, la radiazione infrarossa a breve termine non ha avuto alcun effetto sul loro comportamento .

In un piccolo studio clinico, la luce infrarossa ha aumentato la serotonina. Saranno necessari ulteriori studi sull’uomo per determinare il ruolo della radiazione infrarossa nell’umore umano.

8) Febbre da fieno

Mancano prove solide a sostegno dell’uso della luce infrarossa per la febbre da fieno. In uno studio su 31 pazienti con rinite allergica (febbre da fieno), la terapia a infrarossi lontani ha migliorato i loro sintomi. I pazienti avevano meno fastidio, prurito agli occhi e al naso e starnuti. Tuttavia, questi risultati non sono stati replicati. Sono necessarie molte più ricerche .

Animale & Ricerca cellulare (senza prove)

Nessuna evidenza clinica supporta l’uso della terapia della luce infrarossa per una qualsiasi delle condizioni elencate in questa sezione. Di seguito è riportato un riassunto della ricerca esistente basata sugli animali e sulle cellule, che dovrebbe guidare ulteriori sforzi investigativi. Tuttavia, gli studi elencati di seguito non devono essere interpretati come un supporto di alcun beneficio per la salute.

9) Guarigione delle ferite

Prove cliniche solide suggeriscono che la luce IR migliora la guarigione ritardata delle ferite, come la guarigione di ustioni, lesioni da amputazione, innesti cutanei, ferite infette e lesioni da intrappolamento .

Inoltre, la radioterapia a infrarossi ha aumentato la velocità con cui le ferite cutanee sono guarite nei ratti .

I raggi infrarossi lontani hanno aumentato i livelli di fattori chiave nel processo di guarigione (come TGF-β1) e l’attività dei fibroblasti (tessuti connettivi) e di altri tipi di cellule riparative .

L’aumento di TGF-β1 riduce la produzione di fattori infiammatori chiave. Ridurre la durata e l’intensità della secrezione di questi fattori accorcia il periodo di risposta infiammatoria, consentendo alla guarigione delle ferite di spostarsi più rapidamente nel periodo proliferativo .

Oltre ad aumentare TGF-β1, la terapia della luce infrarossa ha aumentato la formazione del tessuto connettivo e la produzione di collagene sia nelle cellule umane che in quelle del topo. Uno studio ha mostrato che la crescita delle cellule epiteliali aumenta fino al 171% se esposta alla terapia della luce nel vicino infrarosso .

La ricerca sulla luce infrarossa e sulla guarigione delle ferite è stata finora limitata agli studi sugli animali e sulle cellule. Sono necessarie prove umane.

Ricerca sul cancro

La luce infrarossa non ha dimostrato di trattare o prevenire il cancro.

Alcuni scienziati hanno ipotizzato se la terapia fotodinamica abbia qualche effetto sulle cellule tumorali. Nei piatti, le nanoparticelle esposte alle radiazioni del vicino infrarosso possono diventare tossiche per le cellule tumorali vicine. Nei topi, la radiazione infrarossa aveva alcune proprietà antitumorali .

La fotoimmunoterapia è un altro approccio sperimentale. Gli scienziati ritengono che lega i materiali che manipolano la luce e il calore (fototermico) ad un anticorpo mirato specificamente alle cellule tumorali. Legandosi ai recettori sulla superficie delle cellule tumorali, la luce infrarossa viene nuovamente utilizzata per far riscaldare le particelle, il che può avere effetti anti-cancro .

Tuttavia, molte modalità hanno effetti anti-cancro nelle cellule, comprese le tecniche che uccidono tutte le cellule come il calore estremo. Questo non significa che abbiano alcun valore medico. Infatti, la maggior parte delle tecniche che sono studiate nelle cellule tumorali e negli animali non riescono a passare ulteriori studi clinici a causa di una mancanza di sicurezza o efficacia.

La luce infrarossa è considerata molto improbabile per uccidere il cancro negli esseri umani, ma la ricerca è in corso.

Effetti collaterali della radiazione infrarossa

La radiazione infrarossa può penetrare solo circa 4 cm nel corpo umano, quindi i rischi primari di esposizione alle radiazioni infrarosse sono per la pelle e gli occhi .

Inoltre, studi di sicurezza su larga scala dovrebbero determinare gli effetti collaterali a lungo termine della radiazione infrarossa, diverse lunghezze d’onda e dosaggi di luce”.”

Pertanto, questo non è inteso come un elenco completo dei potenziali effetti avversi della radiazione infrarossa.

Danni alla pelle

Circa il 65% della radiazione infrarossa che raggiunge il corpo umano penetra nel derma prima dell’assorbimento. A questo punto, una potenziale preoccupazione è un aumento del fotoinvecchiamento (invecchiamento dovuto alla luce) .

I raggi UV sono i principali agenti di fotoinvecchiamento, ma uno studio ha rilevato che una maggiore esposizione alle radiazioni infrarosse ha aumentato la produzione di MMP-1. MMP-1 è un potenziale contributore al fotoinvecchiamento, che diminuisce la produzione di collagene ed elastina nella pelle .

L’aumento della temperatura della pelle può anche avere effetti negativi. Un aumento della temperatura tramite shock termico indotto può portare alla creazione di specie reattive dell’ossigeno, che possono causare danni nel tempo .

La radiazione infrarossa può anche danneggiare la pelle tatuata. In un uomo, la luce infrarossa lontana ha causato infiammazione della pelle (pseudolinfoma) .

Danni agli occhi

La lente dell’occhio è estremamente sensibile alle radiazioni infrarosse. L’esposizione a lungo termine di fonti di alta potenza può contribuire alla formazione della cataratta .

La radiazione infrarossa può danneggiare le proteine cruciali che facilitano la normale funzione e il passaggio di ioni ed enzimi attraverso la lente. Questo potrebbe ridurre la chiarezza della lente .

I danni alla pelle e agli occhi sono gli effetti avversi più probabili della terapia della luce infrarossa. Questa tecnica è altrimenti considerata molto sicura.

Avvertenze

Non ci sono molti studi clinici umani disponibili che utilizzano la radiazione infrarossa. Inoltre, la maggior parte degli studi disponibili sull’uomo non sono di alta qualità (non in doppio cieco o hanno una grande dimensione del campione).

Consultare un medico prima di andare in una sauna a infrarossi.

Le donne incinte, i bambini, gli anziani e le persone con un sistema immunitario debole dovrebbero evitare la luce infrarossa a causa della mancanza di dati di sicurezza e dei pericoli del riscaldamento in eccesso.

Takeaway

La terapia a infrarossi è una tecnica con cui le lunghezze d’onda infrarosse della luce vengono applicate ai tessuti infiammati o malati. I suoi sostenitori ritengono che riscaldando i tessuti, la luce infrarossa migliora la circolazione e diminuisce l’infiammazione, migliorando così la guarigione delle ferite e altri processi.

Finora, la migliore evidenza per la luce infrarossa è per la psoriasi, le ulcere diabetiche e l’infiammazione generale. Molte applicazioni popolari della terapia a infrarossi non hanno prove sufficienti per raccomandarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *