Le sale abbandonate del Kings Park Psychiatric Center portano ancora ricordi del suo orribile passato

Questo ex ospedale psichiatrico, gestito dallo Stato di New York, era considerato rivoluzionario all’epoca. Ora è percepito da molti come un luogo in cui sono fatti gli incubi.

Le atrocità e le pratiche che sono state commesse ai pazienti oggi sono considerate disumane e illegali. Erano una delle prime e prime istituzioni mentali che approvavano e abbracciavano la terapia d’urto e i metodi di lobotomia, che era ciò che alla fine portava alla loro rovina.

Kings Park Psychiatric Center – Kings Park, New York.Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

Kings Park Psychiatric Center – Kings Park, New York.Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

È stata fondata nel 1885 dal comune di Brooklyn, e nei primi 10 anni della sua esistenza, ha funzionato con il nome di Kings County Asilo. Il Manicomio seguiva il modello della “colonia agricola”, molto popolare allora come forma di terapia.

Lo scopo di formare questo tipo di comunità autosufficiente era un tentativo per Brooklyn di evitare il modello di asilo di alto livello che era già visto come disumano e aveva lo scopo di mitigare il sovraffollamento che era presente nei loro manicomi.

Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

Composto da un gruppo di cottage, i residenti del Kings County Asylum hanno lavorato a diversi tipi di attività legate alla fattoria, come la coltivazione di cibo, l’allevamento di colture e l’alimentazione del bestiame. Ma, alla fine, nel 1895, la contea di Kings iniziò a soffrire per la stessa cosa che stava cercando di evitare: il sovraffollamento. Lo Stato di New York rispose rapidamente assumendo il controllo del manicomio e ribattezzandolo Kings Park Psychiatric Center.

Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

Hanno trasformato l’ospedale in una comunità autosufficiente, che ha generato il proprio calore ed elettricità oltre al cibo. L’ospedale ha continuato ad espandersi, come la popolazione è cresciuta, ma quando New York è entrato nel 1930 la popolazione e la domanda skyrocketed.In 1939, lo stato decise che avevano bisogno di espandere la struttura. Durante questo periodo, fu costruito l’ormai famigerato edificio di 13 piani 93.

L’edificio, progettato dall’architetto statale William E. Haugaard è stato considerato come “il più famoso edificio di asilo a Long Island”. Ha funzionato come infermeria per tutti i pazienti decrepiti e pazienti con condizioni fisiche croniche.

Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

Kings Park Edificio 93.Autore: brianwasser CC BY-SA 2.5

Kings Park Building 93.Autore: brianwasser CC BY-SA 2.5

Dopo la seconda guerra mondiale, il numero di pazienti a Kings Park ha raggiunto il suo picco, contando oltre 9,oo0 pazienti nel 1954. A quel tempo l’intero complesso contava oltre 100 edifici, tra cui ospedali, strutture ricreative, stazioni dei pompieri, alloggi per il personale e centrali elettriche. assomigliava più a una piccola città che a un istituto psichiatrico.

Kings Park Psychiatric Center e Nissequogue River State Park – Kings Park, New York.Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

Kings Park Psychiatric Center e Nissequogue River State Park – Kings Park, New York.Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

Fu durante questo periodo che adottarono nuove tecniche e terapie e iniziarono ad usare terapie elettroshock e lobotomie prefrontali sui pazienti. Sono stati visti come strumenti innovativi ed efficaci e i medici li hanno usati per gestire i pazienti estremamente disturbati.

Tuttavia, dopo il 1955, a seguito dell’introduzione della torazina, che è considerata il primo farmaco antipsicotico efficace e ampiamente utilizzato nel trattamento della malattia mentale, questi metodi sono stati scartati. Il farmaco ha permesso ai pazienti di vivere al di fuori dell’istituto mentale e la popolazione di pazienti a Kings Park stava lentamente diminuendo.

Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

Con il tempo 1990 è venuto, il numero è stato drasticamente ridotto e molti edifici sono stati chiusi. Molti pazienti sono stati deistituzionalizzati, ma a causa della carenza di piccoli centri comunitari, molti di loro hanno avuto difficoltà a trattare con l’ambiente circostante e sono stati catturati o trattenuti nelle carceri.

Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

Autore: Dougtone CC BY-SA 2.0

Infine, nell’autunno del 1996, Kings Park Psychiatric Center è stato chiuso, ponendo fine alla sua corsa di 111 anni. Divenne un parco statale, in parte perché nessuno sapeva cos’altro farne.

Oggi, coperto di viti, il decadente Kings Park Hospital si erge come una testimonianza di un’epoca passata e un ricordo costante dei metodi di trattamento più grotteschi che hanno avuto luogo lì.

Espandi per ulteriori contenuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *