Registrati per il mio account

Domanda: Oggi, le capitali mondiali sono facili da trovare, basta guardare nei paesi che governano. Ma 200 anni fa, non era così semplice per una nazione europea-la sua capitale era situata a 5.000 miglia di distanza – in Sud America. Che nazione europea era? E quale fiorente città sudamericana è stata la sua capitale?

Risposta: La capitale del Portogallo era Rio de Janeiro

Alla fine del 1807, l’esercito di Napoleone stava marciando verso il Portogallo, intento a catturare tutta l’Iberia durante quella che sarebbe diventata nota come la guerra peninsulare. Temendo per la sicurezza della famiglia reale, il principe Giovanni VI ordinò che l’intera corte fosse trasferita dalla capitale di Lisbona alla colonia portoghese del Brasile.

La corte reale arrivò a Rio de Janeiro il 7 marzo 1808, stabilendola come la prima (e unica) capitale europea ad esistere al di fuori dell’Europa.

Come potete immaginare, l’arrivo improvviso della nobiltà ebbe un grande impatto sulla piccola capitale coloniale. Ecco alcuni fatti su come Rio de Janeiro—e il Brasile in generale-sono stati cambiati dallo status senza precedenti della città:

  • Dominio eminente: Anche se Rio de Janeiro era stata la capitale coloniale dell’America portoghese dal 1763, non era in alcun modo abbastanza grande o abbastanza grande per soddisfare la sensibilità reale. Così la corte improvvisò—con grande dispiacere della gente del posto:I residenti e i proprietari di negozi furono frettolosamente (e talvolta forzatamente) rimossi dalle loro proprietà per fare spazio all’entourage reale, e gli abitanti più ricchi rinunciarono volentieri alle loro sontuose sistemazioni per compiacere il Principe.
  • Tenere il passo con i sovrani: la proprietà immobiliare non è cambiata solo dopo che i reali sono arrivati in città—anche l’economia è stata trasformata. L’afflusso di un enorme tribunale ha richiesto un aumento dell’offerta di cibo—e l’afflusso di costosi gusti cortesi ha trasformato Rio in un paradiso per i beni di lusso. Nel corso del tempo, l’affitto in città è raddoppiato, le tasse sono aumentate, le infrastrutture sono notevolmente migliorate e Rio è stata intrisa di un’aria di eleganza e raffinatezza.
  • Il Brasile ottiene una promozione: dopo la fine della guerra peninsulare nel 1814, i leader europei esitarono all’idea che un’antica famiglia reale avrebbe continuato a risiedere al di fuori dell’Europa e chiesero che la corte portoghese tornasse nella loro casa natale. Ma la corte era fiorente a Rio de Janeiro-e non ha fretta di lasciare. Nel tentativo di placare i suoi pari monarchici, il principe Giovanni elevò lo status del Brasile formando il Regno Unito di Portogallo, Brasile e Algarve. Improvvisamente, il Brasile non era solo una colonia, ma un regno unito unito al Portogallo.
  • Addio, Rio: Sfortunatamente per la corte, lo stratagemma non ebbe successo: la leadership in Portogallo risentì del nuovo status della colonia molto più grande, e i brasiliani stavano crescendo sempre più desiderosi di governare se stessi. Così, nel 1821, il principe Giovanni tornò a Lisbona, lasciando suo figlio, il principe Pedro de Alcantara, a supervisionare il Brasile.
  • Nasce un nuovo paese: il corso che il principe Pedro ha preso potrebbe non essere esattamente quello che suo padre aveva in mente: appena un anno dopo la partenza della corte, il principe Pedro ha dichiarato l’indipendenza del Brasile dal Portogallo. Non molto tempo dopo, il principe fu nominato il primo imperatore del Brasile, e decise di governare la nuova nazione da—dove altro?- l’ex capitale del Portogallo, Rio de Janeiro.
  • Rio de Janeiro potrebbe non essere più una capitale (in Brasile, quell’onore ora appartiene a Brasilia), ma c’è ancora molto da vedere in questa metropoli ricca di storia su OAT’s Best of Brazil: Ritmi culturali &Natural Wonders adventure, o sull’estensione post-viaggio di Grand Circle Travel Discover South America: Chile& viaggio in Argentina. Incontra uno dei locali che ti introdurrà ai punti salienti del Brasile nel video qui sotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *