Supplemental Security Income (Titolo XVI del Social Security Act)

Supplemental Security Income (SSI) è un programma federale che fornisce pagamenti in contanti a persone anziane, non vedenti o disabili e con redditi bassi. Oltre al pagamento federale, alcuni stati aggiungono un piccolo supplemento al beneficio mensile. L’importo varia da stato, stato civile, e modalità di vita, ma di solito varia da $10 a 4 400 al mese. La maggior parte delle persone che si qualificano per SSI si qualificano anche per il programma Medicaid del loro stato e possono beneficiare di altri programmi. I pagamenti SSI sono finanziati dalle entrate generali (non dal fondo fiduciario per la sicurezza sociale).

Storia legislativa

Il programma Supplemental Security Income può essere ricondotto a una relazione del 1948 del Consiglio consultivo sulla sicurezza sociale alla Commissione finanze del Senato. Nel rapporto, due membri del consiglio hanno raccomandato che i programmi di assistenza statale, aiutati da sovvenzioni federali, siano stabiliti per proteggere le persone dalle difficoltà dovute alla disabilità. Gli emendamenti del Social Security Act del 1950 abbracciarono questa raccomandazione stabilendo un programma di sovvenzioni statali noto come Aiuto ai permanentemente e totalmente disabili, che fu poi sostituito dal Supplemental Security Income program nel 1974, firmato in legge come Titolo XVI del Social Security Act sotto il presidente Nixon.

Sostenibilità

La legge di bilancio bipartisan del 2015 ha assicurato che i programmi SSI potessero sostenere benefici fino al 2022. Nell’emanare la legislazione, il Congresso ha chiesto un’indagine sui risparmi sui costi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *